Lattuga

Lattuga | Vendita Online  | Ortolano.it

Sei un amante della lattuga e non vedi l’ora di coltivarla direttamente nel tuo orto in vaso sul tuo balcone? Hai ragione, la lattuga fresca è una delle primizie più buone da gustare e da portare direttamente in tavola per essere condivisa con i tuoi commensali.
Abbiamo pensato di offrirti le migliore varietà di lattuga che tu abbia mai provato. Coltivala direttamente a casa tua e scopri tutto il gusto di una lattuga veramente a chilometro zero.
Sul nostro shop online potrai trovare tante tipologie diverse per soddisfare ogni tua necessità e desiderio. Cosa aspetti a coltivare direttamente nel tuo giardino o sul tuo terrazzo la magnifica lattuga? Dai subito un'occhiata al nostro catalogo di piantine di lattuga in vendita online!

La lattuga, anche chiamata “lactuca sativa” è una pianta che appartiene alla categoria delle angiosperme. Questo ortaggio fa parte della famiglia delle compostiae, ed è quindi parente sia delle bietole che degli spinaci. Le sue origini sono incerte, ma scopriamo di più insieme su questo ortaggio famoso e al contempo misterioso.

Lattuga: direttamente a casa tua e facile da coltivare

La lattuga è la regina dell’orto, e quindi non può mancare neanche nel tuo. Proprio per questo motivo, abbiamo pensato di creare questa piccola guida per farti familiarizzare di più con il mondo della lattuga, per conoscerla veramente a 360 gradi.

La lattuga ha fino ad oggi origini sconosciute. Alcuni sostengono che provenga dalla Siberia o dall’Oriente. Alcuni studi più recenti mostrano che la lattuga era consumata anche dai Greci e dai Romani. Il nome “lattuga” infatti richiama il succo lattiginoso che questa pianta secerne. Riguardo al suo nome, ti sveliamo un’altra curiosità: lo sapevi che molti la chiamano insalata, ma che in realtà non è corretto designarla in questo modo?

Ora che hai qualche nozione in più sulla lattuga, potrai addentrarti nel mondo della sua coltivazione per scoprire i trucchi e tutti i segreti su come piantare una lattuga correttamente e su come farla crescere per ottenere un ottimo prodotto finale.
Innanzitutto, sappi che per trapiantare la lattuga non ci sono vincoli climatici o temporali determinanti. Infatti, essa si adatta bene a qualsiasi temperatura e non ha neanche interruzioni nel corso dell’anno. In generale, quindi, potrai decidere di coltivare la tua lattuga quando più lo ritieni opportuno. Stai però accorto ad alcuni dettagli: alcuni tipi di lattuga si adattano meglio alle stagioni rigide mentre altre prediligono la primavera. Per esempio, indivia, scarola e radicchi si trovano bene anche se esposti a temperature invernali. Mentre, tipologie come la lattuga cappuccio, la romana e la trocadero stanno molto bene durante le stagioni della primavera e dell’estate.

Per quanto riguarda il terreno, sappi che ognuna di loro si adatta bene a qualsiasi tipo di terreno, che sia argilloso che sabbioso. L’unica cosa che importa è che il terreno sia abbastanza soffice per ospitare la tua lattuga. Ma non solo, è importante anche prestare attenzione alla sua ricchezza in fatto di nutrimento. Un terreno ben nutrito, e quindi ricco di sostanza organica, ti garantirà risultati migliori. Insieme a questi accorgimenti, sarà anche il caso di assicurarsi che la terra non favorisca la creazione di ristagni d’acqua quando si irriga. È quindi fondamentale che il terreno sia drenante e non si formino zone d’umidità che porteranno la tua lattuga a marcire inevitabilmente.

Parlando di irrigazione, sappi che la lattuga va annaffiata regolarmente. Dopo il trapianto avrà necessità di acqua in maniera più abbondante rispetto che al resto del corso della sua vita. Attenzione però, mantieniti lontano dalle sue foglie quando la irrighi dopo averla trapiantata, poiché potrebbe nuocere alla sua salute. Prenditi un momento per annaffiarla alla mattina presto o la sera dopo il tramonto, evitando così le ore più calde della giornata.

Un vaso di lattuga

Vorresti coltivare la lattuga ma non hai un orto in giardino? Nessun problema! La lattuga si presta bene anche a essere coltivata anche in vaso, che siamo sicuri ti daranno mille soddisfazioni.

Le radici della lattuga non si sviluppano moltissimo e proprio per questo non hanno bisogno di un vaso di grandi dimensioni. Inoltre, la lattuga in sé non necessita di una grande quantità di terriccio, per cui si rivela essere davvero perfetta se decidi di coltivarla in vaso sul tuo balcone o terrazzo.

L’unica accortezza da avere è quella che dicevamo poco fa: avere un terreno soffice e organico, un’annaffiatura regolare e non troppo abbondante, e infine un’esposizione che le consenta di passare qualche ora al sole tutti i giorni.

La lattuga nella tua cucina

La lattuga è famosa in tutto il mondo e molto usata nelle cucine italiane per realizzare insalate. Spesso, viene quindi usata come contorno a crudo, ma sappi che può essere anche bollita o stufata se la preferisci così.
Tieni sempre conto che è meglio consumarla fresca, quindi non far passare troppo tempo tra il momento in cui la raccogli dal tuo orto e quello in cui poi vai effettivamente a consumarla. Essa si conserva al massimo per 3 o 4 giorni infatti.

La lattuga non è solo un piatto fresco che ci consente di pranzare o di cenare senza preparare nulla, senza accendere i fornelli e sopratutto senza perdere tempo o sforzarsi, ma è anche un vero e proprio portento di nutrienti per il nostro organismo.
Devi sapere che le proprietà benefiche della lattuga sono molteplici, per esempio: vitamina A, vitamina C, sali minerali (ferro, potassio, magnesio, calcio), e fibra solubile che aiuta a prevenire l’arteriosclerosi.

Secondo molti nutrizionisti, sarebbe bene cominciare il proprio pasto, che sia pranzo o cena, sempre con una ciotola di lattuga. In questo modo, sembrerebbe che gli amidi si assimilino meglio e che si eviti un picco glicemico importante, tipico di quando mangiamo i carboidrati.

Hai visto? La lattuga è piena di sorprese e di qualità positive! Che cosa aspetti a c